Il mese di aprile - di Enrico Crespi - poesia dialettale in Bustocco

aprile


Tratto da: I mesi
L’è April a giuventü du ann... Adrè a scesa
i vioêui i fan ugén e i viunvon;
hin tütt’in fiui ul persigu e a sciésa
e al g’ha ogni ram da roêusa ul so’ buton.

Anch’i campan mo’ i sonan a distesa;
da profüm l’é pien’ u aria e da canzon;
mo’ fin’ ul lütu la bandona a gesa:...
'l è Pasqua, Pasqua da Risürezion!...

Sa dervi a ‘na speranza ul coêui... Pa’ i fioêu,
se bela, se ancamò piena d’incanti,
senza crüzi e pensè 'l è a vita incoêu;

par neun, che u April da a vita al turna pü
ma dà stu mes cunforti, ma fa tanti
bej sogn rivivi da a nostra giuventü...
È Aprile la gioventù dell’anno... Vicino alla siepe
le viole fanno occhiolino e la pervinea (vinca minor)
sono tutti in fiore il pesco e la siepe
e ha ogni ramo di rosa il suo bocciolo.

Anche le campane adesso suonano a distesa;
di profumi è piena l’aria e da canzoni;
adesso fino il lutto abbandona la chiesa...
è Pasqua, Pasqua di Risurrezione!...

Si apre a una speranza il cuore,... Per i ragazzi,
sei bella, sei ancora piena d’incanto,
senza crucci e pensieri è la vita di oggi;

per noi che l’Aprile della vita non torna più,
mi dà questo mese conforto, mi fa tanti
bei sogni rivivere della nostra gioventù...



Tratto da: Lünari büstocu
A ga sona i campan a distesa,
e hin già persigh, scires, tütt’ in fiui...
A l’è Pasqua!... E i giüdè che, là in gesa
hin da guardia al Scüroêu dul Signui,
‘me da stüc sti salam hin restà
a videl sutt’ al nasu a scapà.

E a Inveronca, a sa mangia cunt’i oêui
ul salam, pa’ scherzài, daghi a füga...
Bon però se sti dì l’es da pioêui.
Aqua a Pasqua, poch fraschi e tant’üga;
se poêu al pioêui, non trenta, ma trenteun,
certu mâ ga farisi a niseun.

Ma can pioêui, a l’è un güstu durmì
e un bel tevid dul leciu güstà :
a ma guardu di pèsi al prim dì,
e ma tegnu, stu mes, ben quetà :
a l’è ul mes da Marconi, e in April,
ul pruverbi lu dis, nanc’ un fil.

E in giarden a gh’è già tanti fiui;
l’è un amui, ‘na delizia a vidéj:
püi l’è a Magiu cha tuca st’unui...
Büschi a i nidi già portan i üséj,
e i bügati, ‘na voêulta a San Zen,
sa fean nasi lì al tevidu in sen.

Al venteun, un’ Eterna Cità
sa rigorda e a so’ urigin mudesta...
Nasi Roma da un sulcu quadrà!,
e Regina di popul la resta
fin’ a candu al starà ‘l mondu in pè...
A San Giorgiu j fan festa i latè.

Ma par aria di canti sa senti
e pa’ i campi ga va ‘na funzion : ...
l’è a funzion di galüghi; e, sü i venti,
i letani, i patera, i urazion
e sa perdan tra ul verdu e pa’ i pian
e confüs cunt’ul son di campan :

“ Benedisi i campagn, o Signui,
“ tegn’ ul süciu e i tampesti luntan;
“ fa che in premi di nostar südui
“ sia bundanti ul racoltu dul gran;
“ fa che mai manca ul pan, o Signui,
“ par a scena dul pôu e dul sciui!...”
Suonano le campane a distesa,
ci sono già peschi, e ciliegi, tutti in fiore...
È Pasqua!... E i giudei che, là in chiesa
sono di guardia al Sepolcro del Signore,
come di stucco questi salami sono rimasti
a vederlo sotto il naso scappare.

E a Inveronca, si mangia con le uova
il salame, per scherzarli, dagli una sgridata...
Buono però se in questi giorni dovesse piovere.
Acqua a Pasqua, poche foglie e tanta uva;
se poi piove, non trenta, ma trentuno,
certo male non farebbe a nessuno.

Ma quando piove, è un gusto dormire
e un bel tiepido del letto gustare :
e mi guardo dei pesci al primo giorno,
e mi tengo questo mese ben coperto :
è un mese da Marconi, e in Aprile,
il proverbio lo dice, neanche un filo,

E in giardino ci sono già tanti fiori;
è un amore, una delizia vederli:
poi è a Maggio che tocca questo onore...
Pagliuzze ai nidi già portano gli uccelli,
e i bachi da seta, una volta a San Zeno,
si facevano nascere lì al tiepido in seno.

Al ventuno una Eterna Città
si ricorda la suo origine modesta...
Nasce Roma da un solco quadrato!,
e Regina del popolo resta
fino a quando il mondo starà in piedi...
A San Giorgio fanno festa i lattai.

Ma per aria di canti si sente
e per i campi va una funzione :...
è la funzione dei maggiolini; e su i venti,
le litanie, le preghiere, le orazioni
e si perdono tra il verde e per le campagne
e si confondono con il suono delle campane :

“ Benedici le campagne, o Signore,
“ tieni l’asciutto e le tempeste lontane;
“ fa che in premio del nostro sudore
“ sia abbondante il raccolto del grano;
“ fa che mai manchi il pane, o Signore,
“ per la cena del povero e del ricco !...”


Gli alberi da frutta sono tutti in fiore e le campane annunziano Cristo Risorto.
È Pasqua, Pasqua di Risurrezione, la festività più solenne dell’anno!
Ed è in questa composizione si ricorda come, il giorno dopo, a festeggiare questa solennità, liete comitive di Bustocchi si recassero alla chiesuola della Madonna d’Inveronca e là, dopo le sacre funzioni, si sbandassero pei prati circostanti a consumare una refezione di uova sode e salame, onde il motto “ciapa salam” rivolto a quei giudei che di guardia a Cristo nel Sepolcro se lo sona lasciato fuggire.
Si ricordano pure i pesci del primo giorno ed i proverbi “ April nanc’ un fil “ e “ dulzi ul durmì “ e fanno seguito accenni alla fondazione di Roma ed alla festa di S. Giorgio.
Richiamando poi la benedizione che si faceva un tempo, andando processionalmente in giro per le campagne, (a funzion di galüghi), si innalza, come chiusa, una preghiera al Signore perché salvi dalle intemperie i raccolti e non venga così mai meno sulle nostre mense il pane quotidiano.

Enrico Crespi 1958


Altri mesi dell'anno