A CUA DUL DRAGU (L'Aquilone)

Da Tüti i cului da carta velina,
da stechi da balsa, da cola, da fil,
a cua bèla longa fèi tüta da anèi,
chissá sa n'ho fèi can seu piscinína.

E candu l'éa pronta, via a curi in dul prá.
A spulèta da fil a la ingrabüiéa
e ti a fala sü e curi a tentá
da mandala in voltu, da fala sguá

Al éa 'n gran bèl giügu.
Mo cha ta guardu, ta édu sguá,
par men sé pü un giügu...
... te sé a libertá

Di tutti i colori di carta velna,
di stecche di legno sottile, di colla e di filo,
una coda bella lunga fatta tutta di anello
chissà quante ne ho fatte quando ero piccola

E quando era pronta via a correre nel prato.
La spoletta di filo si ingarbugliava
e tu ad avvolgerla e correre a tentare
i mandarla in alto, di farla volare

Era un gran bel gioco.
Adesso che ti guardo, ti vedo volare,
per me non sei più un gioco....
... sei la libertà.



Carla Mocchetti


Altre composizioni di Carla Mocchetti