Scigha (nebbia) - di Carla Mocchetti - Bustocco

A Scigha (La Nebbia)


Leggenda sulla nascita della nebbia

Al a invernu, ul s al gha un po da frgiu, al saa non se f e anlua al s met a guardssi aturnu. Lha sghis na nuleta che la na meraviglia, la paea na sirna e l sbitu al s inamu.
A uaa fati un basn.
Ma a nuleta al a timida, la giuina, a la gha paga dul s: gha la d a so mama (u aria) da st luntana da chell lifrcu l chal sa pizza sbitu me n zufranl candu al guarda na nula.
E s, i pal hinn pal: a nulta-sirna a la guarda un s insc bl, insc regondu e la ghha d:
Ta lu fssu anca mn un basn, ma a ghho vargogna, a ma guarda ttu ul mondu !.
Daa tra intantu a gha gna s u aria frgia, e ul s al ha pens ben da sculdla un zichinn; s furm insc a scigha, cha l na ua cha la sa vedi ma sa po non tucla; un vl tra a tera e ul cil.
A nulta anlala s lassa bas dul s.
A scigha, gelusa daa nulta, la ua anca le fassi bas dul s.
Par fassi bla al gna insc spssa cha al diventa lussa.
Ul s, daa rabia, al s scund e al s stu p.


Era inverno, il sole aveva un po freddo, non sapeva cosa fare e allora si messo a guardarsi in giro. Ha sbirciato una nuvoletta che era una meraviglia, pareva una sirena e subito se ne innamorato.
"Vorrei darti un bacino".
La la nuvoletta era timida, era giovane, e aveva paura del sole: glielo aveva detto la sua mamma (l'aria) di stare lontana da quel donnaiolo che si infiammava subito come un fiammifero quando guardava una nuvola.
E si, le parole son parole: la nuvoletta-sirena guardava il sole cos bello, cos rotondo, e gli ha detto:
"Te lo darei anch'io un bacino ma ho vergogna, mi osserva tutto il mondo!".
Intanto, dalla terra saliva un'aria fredda, e il sole ha pensato bene di scaldarla un pochino; si formata cos la nebbia, che una polvere che si vede ma non si pu toccare; un velo fra la terra e il cielo.
La nuvoletta, allora, si lasciata baciare dal sole.
La nebbia, gelosa della nuvoletta, voleva anche lei esser baciata dal sole.
Per farsi bella, venuta cos spessa da diventar nebbia fittissima.
Il sole, dalla rabbia, si nascosto e non si visto pi.




Carla Mocchetti


Altre composizioni di Carla Mocchetti