Ul Ventu (Il vento)

Gha bufa ‘l ventu
al curi, al zifula,
magáááááa l’é cuntentu
...e intant al vula.

Sun dré scultál
e lü ‘l ma disi:
“Ciapam a cua,
ta portu in paadisu”.

A seru i oeugi
a fó ‘l sègn daa Crusi
gha ciapu a cua,
gha dó a usi:

“Vá ventasèl
e fami vidé
chèl ch’ho mai üstu
chèl cha l’é bèl”.

E ‘l ventu al ma porta
da sua di muntagn
dughé gh’é a fioca
gh’é mia da magagn.

Oh! Dio ma l’é bèl!
Oh! Cielo beato
l’ha fèi ul Signüi
sto bel creatu!

A uaia fermassi
sta chi a rimiá
impienissi i oeugi
da felicitá.

Ma ‘l ventu al curi
al ma porta luntan
traversam paesi,
prá, buschi e pian.

Poeu tütu d’un botu
al fa i bumbòi
al fa a biscòca,
l’é propi ‘n gilocu.

- O ventu, fermasi!
Ma manca ul fià,
sa scèpa aa cua
a sto pü tacá. -

Al balca ul ventu,
al s’é fermá
e men ma sentu
anda giú, a sprufundá.

- Ütami ventu
ma par da muì,
portam a cá
‘ndem via da chi! -

A turn ‘indré
sun chi in daa me cá
e ul me có
al sügüta a pensá:

...Teme ‘l ventu l’é a vita.

L’é mèi curi sempar
vès radegá
fa i salti murtai
par pudé tia lá,

parchè quan te se fermi
a l’é finia
te ve lá drizzu
a ca dul Bia.



Soffia il vento
corre, fischia,
magari è contento
...e intanto vola.

Lo sto ascoltando
e lui mi dice:
“Prendimi la coda,
ti porto in paradiso”.

Chiudo gli occhi
faccio il segno della Croce
le prendo la coda,
le do’ la voce:

“Va venticello
e fammi vedere
quello che non ho mai visto
quello che è bello”.

E il vento mi porta
sopra le montagne
dove c’è la neve
non ci sono magagne.

Oh! Dio come è bello!
Oh! Cielo beato
l’ha fatto il Signore
questo bel creato!

Vorrei fermarmi
star qui a rimirare
riempirmi gli occhi
di felicità.

Ma il vento corre
mi porta lontano
attraversiamo paesi,
prati, boschi e pianure.

Poi tutto d’un colpo
fa le giravolte
fa l’altalena ,
è proprio un balzano.

- O vento, fermati!
Mi manca il respiro,
si rompe la coda
non sto più attaccato. -

Cessa il vento,
si è fermato
e io mi sento
andare giù, a sprofondare.

- Aiutami vento
mi pare di morire,
portami a casa
andiamo via da qui! -

Ritorno indietro
sono qui nella mia casa
e la mia testa
continua a pensare:

...Come il vento è la vita.

È meglio correre sempre
essere indaffarato
fare i salti mortali
per poter andare avanti,

perché quando ti fermi
è finita
vai là dritto
al cimitero




Carla Mocchetti
Altre composizioni di Carla Mocchetti