Un mumentu gramm ?

A som chi inda a me machina, ins na straa granda ma piena da des mila machin e centu mila camiun. A sm chi tci bel e fermi, cha a sa va innanzi nanca ste v gi a carcai, sti machin !
A gha v, ins a radiu, na msica 'mericana e dinanzi ai m gi a gh' un birgiu ch'al ma disi indu ch'ho da and: volta gi da ch, volta gi da l e al ta fa ri drizu fin a c. Hu pna parl cunt'un Gidas ch'al ha d che un pufatu al gh'ha diritu da sta dentu induna c per tri mesi anm, anca s'al paga non. S'al fs par men, a gha do na pescia a chel pufatu l, par cascial fa da ca, e tral dent'in daa bonza l e tci chi tenme l. Ma inc a sa po p.
A ma par ch'a gha va ben naguta, al un mondu grm.
E a ma vegn in menti un me amisi ch'al m'ha d cha sontu un barbeltu, e a mumenti a risiu anca cun l.
Ma p a ma disu: men sa anca un barbeltu, ma sa sta p insc ben chandu i egenti i ean tci gnuranti 'me i b ?
E a sa sta insci ben chandu sa pissa tci insema in duna latrina in mezu al curti, gea d'invernu e spzulenta d'estia ? Al a propi insc bel durm in cenchi induna stanza, lau me un cal par vanz una palanca ch'al a ass nanca par mangi carni e pom da tera . senza carni ?
Al a insc bel crep da tifu e culera, mti al mondu des fi cunt a speanza da vanzn quatar o cenchi ?
Ai stan insc ben i gian a fa ul suld ins i muntagn a cep quatar sciupeti, magara dun chai crcu o un chai Francesi ?
Al a p insc bel tai ul furmantu e ul miagon in gubn suta al s cha brsa a pl ?
A sa sta insci m, mo, dentu in chela machina chi, colda d'invernu e fresca d'estaia ? Cunt un birogiu dananzi cha te podi non sbagli stra nanca sa ti s un taranzn cul co pin da rasegsciu ?
Al p insci brtu ghi u acqua imbrghenta tl l'ann par lavasi tci i d, e ghi un usped ch'al ta mna a riva da scas tci i malann ?
A sa sta p insc mal a mangi e bei pulidu tci i d e ciap un sguatn che in meza giurnaa al ta mna luntan venmila chilometri a meti i ball al su stan che da chi a gh' gi a lussa ?
Dem a tr: al va non cha sa sta mi indi tempi indr: hinn dum ball di vigi, ch'hin bon p da stagh'adr al mondu nu.


Sono qui sulla mia auto, fermo su una strada rande piena con diecimila macchine e centomila camion. Siamo qui tutti fermi e non si va avanti neanche scendendo e spingendole, 'ste macchine !
V, sulla radio, una musica americana e davanti ai miei occhi ch uno strumento che mi dice dove devo andare: gira di qua, gira di l, di fa arrivare diritto fino a casa.
Ho appena parlato con un Giudice che mi ha detto che un debitore insolvente ha diritto a stare in una casa per altri tre mese anche se non paga. Se fosse per me, darei una pedata a quel moroso, per cacciarlo fuori di casa e buttarlo nella fogna lui e tutti quelli come lui. Ma oggi non si pu pi.
Mi pare che non vada bene niente, ed un mondo cattivo.
E mi viene in mente un amico che mi ha detto che io sono un "intellettuale saccente", e quasi litigo anche con lui.
Ma poi mi dico: sar anche un saccente ma si stava poi cos bene quando le persone erano tutte ignoranti come buoi ?
E si stava poi cos bene quando si faceva tutti pip insieme in una "latrina" in mezzo al cortile, gelata d'inverno e puzzolente d'estate ? Era proprio cos bello dormire in cinque in una camera, lavorare come cavalli per mettere insieme due soldi nemmeno sufficienti per mangiare carne e patate . Senza carne ?
Era poi cos bello crepare di tifo e colera, mettere al mondo dieci bambini nella speranza di salvarne quattro o cinque ?
Stavano bene i giovani a fare i militari sulle montagne a prendere quattro fucilate, magari da qualche tedesco o qualche francese ?
Era poi cos bello tagliare il frumento e il granturco tutti ingobbiti sotto il sole che brucia la pelle ?
E si sta poi cos male oggi, dentro questa macchina, calda in inverno e fresca d'estate ? Con un attrezzo davanti che non puoi sbagliare strada nemmeno se sei un tarlucco con la testa piena di segatura ?
poi cos brutto avere acqua bollente tutto l'anno per lavarsi tutti i giorni e avere un ospedale che ti guarisce da quasi tutti i malanni ?
Si sta poi cos male a mangiare bene tutti i giorni e poter prendere un aereo che in mezza giornata ti porta lontano venti mila chilometri a prendere il sole mentre qui da noi c' una nebbia da non vdere ad un palmo ?
Datemi retta: non vero che si stava meglio nei tempi andati: sono solo balle dei vecchi, che non sono pi capaci di adeguarsi al nuovo mondo





Enrico Candiani