UL PAN DI PAISAN

Ai témpi, tanci an fá i paisan i féan ul pan ogna vól'dì.
In'di casin dasluntan da Büsti, ghéa lá ul furnu in curti e 'na ölta aa salmana lu pizéan é ogni maséa la féa cösi ul só pan.

I paisan chi stéan tac' Büsti, i 'ndéan a fà chösi ul pan al furnu püsé apresa. I prestiné d'inlua, aa matina i féan ul pan p'ai büstochi, é 'na ölta aa salmana, aa basua dul venerdi i féan ul pan p'ai paisan, ul pan mistu. Ul pan di paisan léa mistu darbon, faina da segra e da miagon e a faina da furmentu léa poca bén.

I famigli éan grosi é i gh'éan tanci fiö e e da pan éan da fan tantu, ma 'na cai völta al vanzéa sé non da finì a salmana .
'Na ölta,un paisan c'al ghéa lá tanci fiö , lé vanzá sénza pan dü dì prüma dul só dì , inscì la dü n'da in'dul prestiné a tó dés chil' da pan biancu. Can'lé riá cá , i fiö an cuménzá a fag'a róa aa panéa in manéa ché ua da sia ul pan biancu lé stèi paciá tütu, e ul regiù la dü 'nda an'mo in Büsti a tö 'l pan.


Prüma da chèla guèra chi é anca dopu, i paisan da San Miché i 'ndéan a fa 'l pan in'dul furnu dul Bigén ca léa lì , é lé lì an'mó in sül vial Muntèl, tac'aa casina dul Sibiètu.

Taèla, Giana, Cisa, Martélétu, Briù, Culö, Camisa, Pénégar, Bia , Cudén, Raèta, Bösu, Bataél, Biciuchèl, Rana, Campana, Strèpasü, Burdiga, Barbisén, Nètu, Maistron, éan i suanom di paisan chi 'ndéan a fá 'l pan al furnu dul Bigén.



Dü dì prüma daa cota, i paisan i 'ndéan al présten a tö ul lévá da purta cá par paégial; ul dì daa cota, vés mésdì, ga cuménzéa a riá i caréti con sü i marnéti.

I don i impastéan a faina, e cand'éan fürnì ,intan'ché ul pan al lévéa, i don sa tiéan a prèsa a cüntá sü i rasón di casin.

Vés'ai du ui, ul pan léa lévá a sé; i don i cuménzéan a baslutá, ognadüna ul só, e ul Bigén al cuménzéa a infurná. Ogni marnèta la ghéa ul só sègn, che ul Bigén al féa sü in sül pan prüma da infurnal: - " Büsi, dü büsi, nasu, nas'é büsu, dü nasi, tai, (ul tai ga lu féa al pan da chi tai chi druéan un pó püsé da furméntu, parché ul pan, con dumá ségra e miagon, a taial al sa disféa), tai é büsu, tai é dü büsi, tai é nasu"-, fin'ché 'l furnu léa pién. (Tai e fésa d'ai, léa ul sègn d'un paisan cal cascéa dönt'una fésa d'ai ogni mistua).

Finì d'infurná, i don i turnéan a tias'a prèssa par finì i só rason, fèna ché'l pan léa cotu. Cotu ca léa, ul Bigén al cuménzéa a tial föa, é ogni pan al diséa ul só sègn ca gh'éa sü e a dona ca léa ul só segn la diséa-" Lé l'mé"-, e ul Bigén ga lu tiéa la al vulu. Candu ul furnu léa vôi, ognadüna la caéghea a só careta e la 'ndéa cá.

Ghé pasa i an, i fiö in'gnüi grandi e in'indéi a lauá in'di stibililiménti, i vègi in vanzái daparlui a fá 'ndá a tèra chéla poca chi pudéan sénza aütu, e da pan 'n'an fèi pü.

1977 - Giovanni Bandera (ul Cangelén)
IL PANE DEI CONTADINI

Ai tempi passati, i contadini cocevano il pane una volta la settimana.
Nelle cascine lontane da Busto c'era il forno nel cortile e una volta la settimana, si accendeva il forno e ogni massaia coceva il suo pane.
I contadini che abitavano vicino a Busto andavano a cuocere il pane dal fornaio più vicino. Alcuni fornai, allora, il mattino cocevano il pane per i bustocchi, e una volta la settimana, il venerdì pomeriggio, cocevano il pane dei contadini, il pane misto, Il pane dei contadini era misto davvero, farina di segale e di granoturco, e poca farina di frumento.
Le famiglie erano numerose, avevano molti figli e dovevano cuocere molto pane, ma qualche volta il pane bastava per una settimana. Una volta è accaduto che un contadino che aveva molti figli é rimasto senza pane due giorni prima del venerdì, così è dovuto andare dal fornaio a comperare dieci chili di pane bianco. Quando è tornato a casa, i figli anno cominciato a gironzolare attorno alla madia, (Panéa), così verso sera il pane bianco era stato mangiato tutto e il capofamiglia é ritornato dal fornaio a comperare altro pane.
Prima della seconda guerra mondiale e ancora nell'immediato dopoguerra, i contadini di San Michele andavano a cuocere il pane al forno del "Bigen", (Luigi Martelli) che si trovava, ed è ancora lì (1977), in viale Montello, vicino alla cascina del "Sibiètu", (Gallazzi), Taèla, (Della Bella), Giana , Cissa, (Raimondi), Martéletu, , Briù, (Speroni), Culö, (Martignoni), Camisa, (De Bernardi), Pénégar, (De Bernardi), Bia, (Galli), Cudén, (De Bernardi), Raéta, (Armiraglio), Bösu, (Speroni), Bataèl, (Borlandelli), Biciuchél, (Anzini), Strepasü, (Molteni), Campana, (Lualdi), Burdiga, (Gallazzi), Barbisén, Netu, Maistron (Merlo) erano i soprannomi dei contadini che cocevano in pane al forno del "Bigén.
Due giorni prima della cottura, i contadini andavano dal fornaio a prendere il lievito da preparare; il giorno della cottura, verso mezzoglorno, cominciavano ad arrivare al forno le carriole con le madie, (Marnéti). Le donne impastavano la farina, finito di impastare, mentre l'impasto lievitava, si raccoglievano in gruppo, a raccontarsi gli avvenimenti delle cascine.
Alle due del pomeriggio, il pane era lievitato a sufficienza: le donne cominciavano a formare i pani, (baslutá, ) ognuna i suoi, e il "Bigén", le infornava. Ogni madia era contrassegnata da un segno particolare , che il "Bigén" faceva su ogni pane , prima di infornarlo "Buco , due buchi , naso, naso e buco , due nasi, taglio, (il taglio lo faceva solo al pane di quei contadini che usavano più farina di frumento, perché il pane impastato solo con segale e granoturco, al taglio si apriva), taglio e buco, taglio e due buchi, taglio e naso" ,fino a che il forno era pieno. Taglio e spicchio d'aglio era il segno di un contadino che metteva uno spicchio d’aglio in ogni pane.
Finita l'infornata, le donne si raggruppavano di nuovo per continuare i loro discorsi, fino che il pane era cotto. Quando il pane era cotto il "Bigen" cominciava a sfornarlo e di ogni pane diceva il segno che lo segnava, e la donna che aveva quel segno gridava: "É il mio", e il "Bigen" glie lo lanciava al volo, Quando il forno era vuoto , ognuna delle donne caricava la madia sulla carriola e tornava a casa.
Sono passati gli anni , i giovani sono cresciuti e sono andati a lavorare nelle fabbriche, gli anziani sono rimasti soli a coltivare la terra, quella poca che potevano lavorare senza aiuto, e di pane non ne hanno fatto più .

Giovanni BANDERA , (Cangelén) Dicembre 1977




Altre composizioni di Giovanni Bandera