Meglio parlare Bustocco

PARLA MA TI MANGI !

Ma pusibal che i tempi in inscì cambiai?! Una völta i Büstochi i ean urgugliusi da sentì dì dai fuèsti : " Chistichì hin da Busti!" Ma a seam in dul milenoecenvoltasindrè!
Al dì d’incoeù inveci, sti falamòla, ul bustocu lu parlan pü.
Ma a saì non che una voeulta par pudè lauà a l'esteru, boeugnea saè parlà Bustocu? Ah! Va n'importa nagùta?
Cumpagnia da niagiati!
Una völta, par pruà se vön a l'ea o non da Busti, sa ga fasèa una cai dumanda in büstocu. Se al capiea e al rispundea pulidu, al vuéa dì ca ‘l ea un büstocu anca lù. Se da non, al ea un fuèstu.
Ma incö, ca si bon pü nanca viol da parlà in büstocu, a riüsì pü a cugnussi nanca i vostar fradei e inscì i fuastè va mètan suta i pè...
Incoeu a vurì parlà tutti in italian, par davi un po' da impurtanza. E inscì a trasì un burdèl da fià, a fi pussè fadiga, e quasi sempar ga vegn föa da chi stravacài e a fì da chi figüi, chi fan 'ndà 'ndrè ul laci anca ai gaìn.

Se, par esempi, ul " Manganella", par dumandà da béi, l'éssi vusà: " Sciur Giuàn, un litar da chel bon!", gha sücedea naguta. Inveci, chel sapütèl, al ha vurzü parlà in italian e ‘l ha dì: "Garzone, portateci da bevere a me e ai miei amichi!" e pö "Alla mia macchina ci ho fatto pitturare i cercioni di candido".
Insuma, in des minüti, n’ha dì püsè lü dul mangiastrasci!

E chel oltar ca ‘l éa drè a telefunà al bar Lucio?: " Ci sono su le bofate di vento! Vicino a Castellanza ha tirato su trè passòni della luce!". Demm Carlito! Ciàpasala non!...A storia al é d’ un po' da tèmpu fà, ma ‘l é sempar bona.

Ma chel cha gha fà scarà giù püssè anmò i culzeti, al é quandu ta capita da cugnùssi una cai sganzèrla, magari anca mustusa e guaiàrda. Apèna la vèri a buca ti senti: " No! Stasera non podo, ci ho là quattro barlafusi da mettere in 'gnà." E alua, ti te cambi sübitu discursu, e ten podi pù da deslibeàsi da chela lapagiona.



Giorgio Giacomelli
Ma è possibile che i tempi siano così cambiati ? Una volta i Bustocchi erano orgogliosi di sentir dire dai forestieri: "questi qui' son di Busto!". Ma eravamo tanto tempo fà !
Ai giorni d'oggi invece, sti smidollati, il Bustocco non lo parlan più!
Ma non lo sapete che una volta, per poter lavorare all'estero, bisognava conoscere il Bustocco ? Ah non ve ne importa nulla ? Branco di perdimuco ! !
Un tempo, per provare se uno era o no di Busto, gli si faceva qualche domanda in Bustocco. Se capiva e rispondeva bene, voleva dire che era un Bustocco a propria volta. Se no, era un forestiero.
Ma oggi, che non siete più capaci nemmeno voi di parlare Bustocco, non riuscite nemmeno più a conoscere i vostri fratelli ed è così che i forestieri vi mettono sotto ai piedi....
Oggi volete tutti parlate Italiano, per darvi un certo tono. E così sprecate una montagna di fiato, fate fatica e quasi sempre vengon fuori certe castronerie che fate certe figure che mandano indietro il latte anche alle galline !
Se, per esempio, il "Manganella" per chiedere da bere, avesse urlato "Sciur Giuàn, un litar da chel bon!" non succedeva niente. Invece, il saputello, a voluto parlare in Italiano e ha detto: " Garzone, portateci da bevere a me e ai miei amichi!" e poi: "Alla mia macchina ci ho fatto pitturare i cercioni di candido".
Insomma, in dieci minuti ne ha dette più del mangiastracci !
E quell'altro, che stava telefonando al Bar Lucio? : Ci sono su le bofate di vento! Vicino a Castellanza ha tirato su trè passòni della luce!". Suvvia, Carletto, non prendertela, è una storia di tanto tempo fa ma è sempre buona !!
Ma ciò che fa cader di più le calzette è quando ti capita di conoscere una qualche ragazzotta, magari anche carina e gagliarda. Appena apre bocca senti dire " No! Stasera non podo, ci ho là quattro barlafusi da mettere in 'gnà.". E allora cambi subito discorso e non ne puoi più di liberarti di questa ... (sfido i lettori a tradurre il termine "lapagiona" n.d.t.)

Giorgio Giacomelli

Altre composizioni di Giorgio Giacomelli