Il corvo e la Volpe - di esopo - traduzione in bustocco di Mariolino Rimoldi

Ul curbatu e a ùlpi


Da una favola di Esopo

Ul curbátu al s'éa fermá sü na piànta cunt in buca un tocu da carni rubá. L'ha üstu na ùlpi che, decisa a ué chèla carni lá, la s'é fermá sut aa pianta e l'ha cumenciá a fághi cumplimenti pa a beléza e a grandéza dul curbatu, disendughi che mèi da lü gh'éa nisson par cumandá sü i üsèi. E da sicüu al sissi gnü re se dumá al gh'éa a ùsi.
Ul curbatu, par faghi vidé ch'al gh'éa anca chèla, l'ha lassá 'ndá a carni e al s'é mitü drè a usá forti. Alua a ulpi l'é curü a ciapá a carni e la gh'ha dì:
"Se ti te gh'éssi anca ul cervèl, a ta mancaìssi propi nagùta par cumandá sü tüci"

A sémpia al é fèi sü misüa pa i stüpidi e par chi al crédi da vaé da pü da chell ch'al vai


Un corvo si era posato su un albero con in bocca un pezzo di carne rubata. Fu visto da una volpe che, decisa a volere quella carne, si fermò sotto l'albero e cominciò a fargli i comlimenti per la bellezza e per la grandezza, dicendogli che non c'era nessuno meglio di lui per comandare sugli uccelli. E di sicuro sarebbe diventato re se solo avesse avuto la voce.
Il corvo, per dimostrarle che possedeva anche quella, lasciò cadere la carne e si mise a gridare forte. Allora la volpe corse a prendere la carne e gli disse:
"Se tu avessi anche il cervello, non ti mancherebbe niente per comandare su tutti".

La favola è fatta su misura per gli stupidi e per chi crede di valere di più di ciò che vale




Mariolino Rimoldi


Altre composizioni di Mariolino Rimoldi