Antichissima “sempia”.


Si tratta di un frammento di un lungo racconto, andato perduto, di cui mio padre ricorda solo questo passaggio, interessante però per i vocaboli usati:

Un contadino, rivolgendosi al vecchio “padrone”:

O Sciur Padron
Cha ‘l vegn giù daa durmiùa
Cha ‘l meti sü i taculòn bàcual
Cha ‘l vegn giù dáa scáa sémpia
Parché al rinfu e ranfu
A gh’è tacá ‘na lüghea al cü
E mo a gha brüsa tüta a mistüanza.


Note
Durmi(d)ùa: letto, o – meglio – soppalco adibito a letto
taculon bacual: ciabatte - zoccole
scàa sempia: scala a pioli
rinfu e ranfu: gatto (nel caso era vicino a fuoco)
lüghéa: scintilla di legna dal camino
Mistüanza: varie erbe secche per alimentazione dei bovini

Dedicato a quell’eroe di Mio padre il mitico Gino Candiani