'NA ÖLTA





A sentu pü
scuratá i caái
su a rizzáa
bianca e negra di strái.

A édu pü
i caretéi
a caèzza in man,
a früsta su i spall,
vusá: löö valá.

A édu pü a Virginia
cüá i caái
par tiá sü i figái.

Incö a édu: utumóbil,
camiasci, cùi,
smági da òli;
a sentu udùi da ucelína.

Ul móndu na ölta
l'éa caèzzu,
incö sèm tüci vitima
d'ul prugressu


Non sento più
incespicare i cavalli
sul selciato di sassi
bianco e nero delle strade.

Non vedo più
i carrettieri
con la cavezza in mano
e la frusta sulle spalle
gridare: löö valá.

Non vedo più la Virginia
curare i cavalli
per raccoglierne gli escrementi

Oggi vedo: automobili
camionacci, code
macchie di olio;
sento odore di petrolio.

Il mondo una volta
era carino,
oggi siamo tutti vittime
del progresso

(Di Alfredo Solbiati detto Ul Pinèta)
Traduzione di Enrico Candiani