Ul ventu e strji

da: IL TEMPIO Bollettino mensile per l’erigenda Chiesa dei SS. Apostoli Pietro e Paolo, novembre 1933
Cànti róbi, car Sigùi, bögna cüntaghi sü a stì balìti chì ! Lùi hin mai stüfi – la diséa a póa máma granda, Jesüssi par lé, sa la g’ha bisögn – lùi in mai stüfi da fá cüntá sü. Cuntentèmai sti pór laü e à Madóna du Aütu cha i u prutégia da pisciniti ebàn da grandi.
Mo i vöan saé cùssa l’é ul ventu e da cùssé ch’a l’é fèi. Ul ventu l’è u áia strusáa adré d’un badalücu da cavái cha sa védan non e ch’i cùran tème i disfèrni e u áia gha tùca andagh’adré a lùi dughé chi vöan.
Sti cavái chi strüsan adré u áia in pö i strij. I strij i stan in di buschi e in sü i muntagn e candu in cüéti tüttu gha va bén e cand in alégar e i giügan áa girimbèla gha vègn sü chèla bèla ariéta cha l’é un piesé a sta lì a fassi caezá da lé.
Chèl ventaèl cha sa senti da primavéa e magara anch’in estái passáa, l’é fèi di striéti nuèi, ch’han pèna incumenzá a trassi atùrnu a giùgatá e in non nancamó smaìziái da chi grandi e dul gran má han fán mia. Tutt’al pü i fán áa lota cunt’ i fuléti e inlùa un cái cùpu al bórla giù, ma l’é pocu dágn.
Ma cand al fá cóldu e i strij vègi sa séntan a zufegá fina a inversássi a madrìzza, la sa méti gráma. I strij i cüan ul mumentu cha gha pássa da cá sua una cai curenta d’áia e i fán alla svèlta a sturtiássi inturnu e a fá cadèna e pö via a gran carriera, che si pudéssan ta struséssan adré ul sù, a lüna e i stèl anca lùi !
Dughé chi pássan l’é à fén dighétti. I fuléti i saltanföa par giugá, credendu chi füssan ancamó i striétti; inveci, i striózi vègi, da giugá gh’han vöia non e sa invèrsan a lùdria püssé ancamó. In dun átam gha saltanadóssu ai fuléti e i cercan da désfái föa a sgrabelái.
Apèna ch’ì capìssan ul maéncu, i fuléti i ván a scóndas in di camìti, dadré di antiporti e di antiscüi, sutt’àa gronda di técci. E i striózi adré ! Inscì i camìti i ván cunt’ i gàmbi inláia, i técci sa discuèrtan, i üsci e i finèstar i sbátan tème i dispeái, i védar i ván tutt’a tócchi.
Cand’ i fuléti i riüsissan a fá presuné una cái strióza e a raspála dent’ in d’una cài cápa da camén, chióltar strij sa strèpan i caì dáa disperazión, i sguagnissan tème i càn marelái, i pèrdan a báva dáa bùca, e sa sturtìan sü téme i bìssi. I scórlan i nüi e i fán vegnì giù u acqua, lu impástan cunt ul frègiu geá e i fán föa i tampèsti. Candu gh’àn lì una bèlla muntagna da tampèsti, sa méttan in riga e giù sti sassái d’acqua geáa : contr’ i camíti, contra i cá e contra a campagna, in dáa speànza da mazá tutt’ i fuléti.
Ma sicùmi i fuléti in bón da scóndasi pulidu, tütt’ i àn gh’é sempar guèrra e chi ga va da mèzzu i sempar i pór puaìti.

E chichinscì da nögn l’é ancamó pócu ! Ti te da vidé cand i strij i strüsan ul ventu in dul mái !
U acqua la fa cavalón e la sa valza tème i muntágn. I barchi sa stravácan e i por barchiö in bell’e che negái. I bastimenti i vègnan sbatüi da chì e da lá cumpagn di mursón ch’ i dröan i fiö da giügá e chi cha gh’é sü sa inginöggian a dumandá salvézza al Signüi...
In dul desertu l’é pégiu ancamó. Candu gha passa ul ventu striá al ta bütta inláia a sabbia rùssa e al par ch’al piöi sanghi.
I camèi sa büttan in tèrra e in mezz’ai so gambi sa scóndan dentar i óman cha i u guida par vidé da salvássi; ma non sempar gha riüsissan, parché gha capita da véssi seterá suttu d’una cái muntagna da tèrra ch’al lássa giù ul ventu striá. Inscì óman e camèi sa tröan pü.
Gh’é un sìtu sùl, che ul ventu striá al pó faghi nagùta. L’é a brüghéa. I strij sa sbássan non par non ciapá déntar cunt i caì in di pianti dul brügu e a tempèsta la gha fá nagùta parché ul brügu al sa sciépa non nanca s’al tampestéssi préi da muén.
Mo va l’ho dì cùssa l’é ul ventu. Ma cüntègal non áa maèstra parché la va métti in castigu.


Adattamento della grafologia secondo l'uso moderno ad opera di Enrico Candiani
Quante cose, oh Signore, bisogna raccontare a 'sti bambini ! Loro non sono mai stanchi - diceva la mia povera nonna, una preghiera per lei se ne ha bisogno - loro non son mai stanchi di far raccontare. Accontentiamoli, sti poveri bambini e che la Madonna dell'Aiuto li protegga da piccoli e anche quando saran grandi.
Adesso voglion sapere cosa sia il vento e da cosa sia fatto. Il vento è l'aria trascinata da un branco di cavalli invisibili che corrono come indemoniati e all'aria tocca seguirli ovunque vadano.
Sti cavalli che strascinano l'aria son poi nient'altro che streghe. Le streghe stanno nei boschi e sulle montagne e quando son tranquille tutto va bene e quando sono allegre e giocano al girotondo si crea quella bella arietta che è un piacere star li a farsi accarezzare da essa.
Quel venticello che si sente di primavera e anche durante la fine dell'estate è fatta da streghette novelle, che hanno appena iniziato a ritrovarsi e giochicchiare e non sono ancora state smaliziate dalle adulte e non fan dei gran danni. Tutt'al più fanno la lotta coi folletti e allora qualche tegola cade giù, ma è poco danno.
Ma quando fa caldo e le vecchie streghe si senton soffocare finchè si innervosiscono, si mette male. Le streghe aspettano che passi sopra casa loro qualche corrente d'aria e in fretta si accartocciano fra loro a fare una catena e poi via di gran corsa, che se potessero trascinerebbero dietro il sole la luna e persino le stelle !
Dove passano é la fine delle scarpe. I folletti saltan fuori per giocare, credendo che si tratti ancora delle streghette giovani. Invece le stregazze vecchie non han voglia di giocare, e si arrabbiano ancora di più. In un attimo assaltano i folletti e cercan di farli a pezzi a suon di graffi.
Appena si accorgon del vento tempestoso, i folletti vanno a nascondersi nei camini, dietro agli antiusci, sotto la gronda dei tetti. E le stregazze dietro ! Così i camini vanno a gambe all'aria, i tetti si scoperchiano, gli usci e le finestre sbattono come disperati, i vetri vanno a pezzi.
Quando i folletti riescono a imprigionare qualche stregazza e trascinarla dentro qualche cappa di camino, le altre streghe si strappano i capelli dalla disperazione e gemono come i cani bastonati, perdono la bava dalla bocca e si dimenano come bisce. Scuotono le nuvole e fan scender l'acqua, la impastano col freddo gelido e creano la tempesta. Quando ne hanno messa assieme una gran quantità, si mettono in riga e giù 'ste sassate di acqua gelata: contro i camini, le case e la campagna, nella speranza di ammazzare tutti i folletti.
Ma siccome i folletti son capaci di nascondersi bene, tutti gli anni è sempre guerra e chi ci va di mezzo sono sempre i poveretti.

E qui da noi è ancora poco ! Devi vedere quando le streghe trascinano il vento nel mare ! L'acqua crea cavalloni e si alza come fosse una montagna. Le barche si rovesciano e le barchette vengon affondate. I bastimenti vengon sbattuti di qua e di là come i torsoli di mais che i bambini usano per giocare, e coloro che stan sopra alle navi pregano il Signore per la salvezza...
Nel deserto è peggio ancora. Quando passa il vento stregato butta per aria la sabbia rossa e sembra che piove sangue. I cammelli si buttan per terra e fra le loro gambe si nascondono le persone che li guidano per cercare di salvarsi; ma non sempre ci riescono, perchè capita di venir sotterrati sotto una montagna di terra fatta depositare dal vento stregato. Così uomini e cammelli spariscono.
C'è un solo posto in cui il vento stregato non può far nulla. E' la brughiera. Le streghe non si abbassano per non impigliarsi i capelli nelle piante di erica e la tempesta non fa nulla perchè l'erica non si rompe neanche se tempestasse pietre da mulino.
Adesso vi ho detto cosa è il vento. Ma non raccontatelo alla maestra perchè altrimenti vi mette in castigo.

Büstócu (Carlo Azzimonti)


Digitalizzazione di Angelo Crespi. Traduzione ragionata di Enrico Candiani


Altri articoli di storia