Che stremizi !

Hu fei un sögn, ul prüm da nuembar, un sögn brütu, brütu asè.
In d’un campusantu, chisà indughé
a gh’ea na tomba granda e grisa. M’è gnü da vardagh’adosu: a gh’éa sü na pèl da futugrafii.
Ma par da cugnusan un chaivögn. A püsè granda al è na futugrafia in bianc e negar. Un sciui cun sü un tabar, un capelasciu ‘ma sa üsea i tempi indré, e dü barbisi longhi e fei sü tenme corni da bö.
A som bon no da tià pressa un cò, e a ma vegn in menti pü chi ‘l è.
A dumandu turnu: “chi c’è dentro qui ?”.
I slargan tüci i brasci “mai visto quel signore lì”.
Tè va, a ma paga pü ul cò: al é ‘sé guardà pulidu, lengi i nom marcà in sul marmu, e inscì a vedaèm chi al é !
A voltu turnu e a ma vegn un balurdòn. A gh’è sü na fià da futugrafii, ma ai hinn tüci amisi. Tül chi tài cha a gha gnea insèma a men a mangià e béi e cüntà sü quatar sempi e panzanighi. E mo ai u tröu chi tüci insema: “In tra da nögn”.
Ai ‘o fò pasà vögn a vögn, e chan cha a som in cò – esüs ! – a gh’è là anca a me futugrafia !
Tè và: a som mortu e a ma al han dì non !
Ma cumè cha a sem chi tüci ? Da chi al é sta tomba chì ?
Varda da chì, cerca da là, piscinen e scundü, squas cha al gh’és vargogna a fasi ‘idè, a gh’è sü ul nom dul mortu, esüs par lü !
Al é ul dialetu, ul mé bel dialetu da Büsti. “Qui giace a perenne riposo – a gh’é marcà sü – dopo lunga e gloriosa vita, che invan alcuni eroi difesero in battaglia: dei Bustocchi la lingua avita !”
Che stremizi, che sufaghiti: a fiadu pü; ul cöi al sa ferma squasi, e a ma darsedu da culpu. “O càa Madona, o car Signùi”, a vusu in sül mè leciu.
I cùan lì tüci. “Sa a gh’é Ricö !”. “Naguta, naguta, balìti, par mò al é stèi dumà un brül sögn.”
I disan che sa te se insögni da vögn ch’al crepa a te ghe slonghi a vita. Sperem ch’i gh’abian rasòn !”
Ho fatto un brutto sogno il primo di novembre, un sogno davvero brutto
In un cimitero, chissà dove
C’era una tomba grande e grigia. Mi son sentito di guardarla: c’erano sopra un sacco di fotografie
Mi sembrava di conoscere qualcuno. La più grande era una fotografia in bianco e nero. Un signore con addosso un tabarro, un cappellaccio come si usava nei tempi andati, e due baffi rivolti in alto come le corna di un bue.
Non riesco a concentrarmi e non mi viene in mente chi sia.
Chiedo in giro: “chi c’è qui dentro”.
Tutti allargano le braccia: “mai visto quel signore lì”
Ma tu guarda, non ho proprio più testa: basta guardare bene e leggere i nomi scritti sul marmo e così vedremo chi è !
Mi guardo attorno e mi viene un balordone. Ci sono su una fila di fotografie ma sono tutti amici. Tutti quelli che venivano assieme a me a mangiare e bere e raccontare quattro storie e quattro battute. E adesso li trovo qui tutti insieme “tra di noi”.
Li faccio passare uno per uno e quando sono alla fine – santo cielo ! – trovo anche la mia fotografia
Pensa un po: sono morto e non me lo hanno detto !
Ma come mai siamo qui tutti ? di chi è questa tomba ?
Guarda di qua, cerca di là, piccolo e nascosto, quasi avesse vergogna a farsi vedere, c’è scritto il norme del morto, pace all’anima sua !
E il dialetto, il mio bel dialetto di Busto “Qui giace a perenne riposo – c'è scritto – dopo lunga e gloriosa vita, che invan alcuni eroi difesero in battaglia: dei Bustocchi la lingua avita !”
Che spaventi, che soffocamento: non respiro più; il cuore qusi si ferma e mi sveglio di colpo. “o cara Madonna, o caro Signore !” grido nel mio letto.
Corrono tutti. “Cosa c’è, Enrico !” “niente, niente, ragazzi, per adesso è stato solo un brutto sogno”
Dicono che se sogni di uno che crepa, gli allunghi la vita. Speriamo abbiano ragione !

Enrico Candiani