UL TABAR

UL TABAR

Candu hu cumencià a gnì a schöa da Büstocu, a ma gnèan in menti i paòll e i discursi cha faséan i mè noni, candu mén a seu un bambén. Inlùa a ma som regurdà anca i panzanighi e i vegi stori cha men hu sentì cüntà da chel lì o da chel oltar da Büsti o da caivögn di me genti. Na sempia cha ma regordu ‘l éa chela dul tabar dul bisnonu.

Mo a va cöntu.

Violl a duaì saé che candu ul me pà al éa un bambén, tanci ann indré (in dul mila nöcentu trenta e ‘n chaicossa) a gh’éan non tanci danè e tantu “benessere” tenme i di d’incö. Chestu al vör dì che, in chi tempi là, i genti a gh’éan non tüci i vistì, i machin, i utumobil, ul telefunu e i televisiòn e tanta oltra roba d’incö. In particulai, ul scaldamentu e i vistì, in daa brüta stagion, i éan un prublèma.
Insuma, in fén daa féa, ul prublèma al ea che ul me pa, a seti o vot’ann, al gh’ea non un parturèl da meti sü pa ‘ndà a schöa. Sicume che tüci i matin al ea cumpagnà a schöa dul so nonu (ul pa grandu e ch’al ea pö ul me pà grandu grandu) lùi dü i éan pensà da truà na suluziòn. A suluziòn ‘l ea ch’ ul me bisnonu, in invernu, al metéa sü ul tabar, un vistì ch’al dì d’incö a sa méti sü pü.

Tüci i matìn, alùa, ul me bis-nonu, che ul so compitu al ea chell da purtà ul neùdu a schöa, al faséa sü in dul tabàr anca ul me pà insèma a lü !! Inscì i éan tüll dü fèi sü in dul pastràn. Da chell mumentu, da u üsciu da cà, ch’al ea visén a pesìna, a u üsciu daa schöa, ch’al ea dinanzi aa piaza dul Conti (ciamà anca ind’un oltra manéa !!) ul me pà al ea al còldu, anca sa al gh’ea non ul palturèl. Inscì, anca sa gh’ea un frègiu bissu e anca sa gh’ea a scighéa, a fioca, o a ghibéa, o na quai oltra manéa par da scighéa, lü l’ andéa dentu aa schöa al coldu.

A roba strana al ea che lü, fèi sü in dul tabar, al ‘idéa naguta, parchè al ea ul me bisnonu ch’al dirigéa a spediziòn ! Ma a roba püssé strana da tüta sta storia al ea che ul vègiu, fèi sü in dul tabar, e che in dul prencìpi al paéa un vègiu teme i oltar, al gh’ea quatar ghiambi !!!

Marco Torretta (Ul Vanzaghèl)
1997
IL TABARRO

Quando ho cominciato a venire a scuola di Bustocco, mi venivano in mente le parole e i discorsi che facevano i miei nonni quando io ero un bambino. Allora mi son ricordato anche i racconti allegri e le vecchie storie che ho sentito raccontare da questo o quell’altro di Busto o da qualcuno dei miei. Una storia che mi ricordo era quella del tabarro del bisnonno.
Adesso ve la racconto
Dovete sapere che quando mio padre era un bambino, tanti anni fa (nel millenovecento trenta e … qualcosa) non c’erano tanti soldi e tanto benessere come oggi. Ciò significa che, in quei tempi, la gente non aveva tutti i vestiti, i mezzi, le automobili, il telefono, le televisioni e tutta l’altra roba che c’è oggi. In particolare, il riscaldamento ed i vestiti, nella brutta stagione, erano un problema.
Insomma, in fin dei conti il problema era che mio padre, a sette o otto anni, non aveva un cappottino da indossare per andare a scuola. Siccome tutte le mattine lui era accompagnato dal suo nonno (il “papa’ grande”, e che era poi il mio “papà grande-grande”) loro due han pensato di trovare una soluzione. La soluzione fu che il mio bisnonno, in inverno, indossasse il tabarro, un tipo di abito che al giorno d’oggi non si usa più.
Tutte le mattine, allora, il mio bisnonno, il cui compito era quello di portare il nipote a scuola, avvolgeva nel tabarro anche mio padre insieme a lui !! Così eran tutti e due avvolti nel pastrano. Da quel momento, dall’uscio di casa, che era in zona “pessina” (zona Santa Maria, n.d.t.) fino all’uscio della scuola, che era in piazza del conte (chiamata anche in un altro modo) (L’attuale Piazza Vittorio Emanuale II, detta piazza “di trì cü”, n.d.t.), mio padre era al caldo, anche se non aveva il cappottino. Così, anche se c’era un freddo “biscio” e anche se c’era nebbia, neve, gelo o qualche altro tipo di nebbie umide e gelate, lui arrivava a scuola al caldo.
La cosa strana era che lui, avvolto nel tabarro, non vedeva nulla, perché era il mio bisnonno che dirigeva la spedizione ! Ma la cosa più strana di tutta questa storia era che il vecchio avvolto nel tabarro, e che a prima vista sembrava un vecchio come gli altri, in realtà…. Aveva quattro gambe !

Marco Torretta (Ul Vanzaghèl)
1997




Composizioni di Marco Torretta