Ul pasché dáa gésa vègia (da Sinágu)


Al dì d’incö ‘l pasché dáa gésa vègia
l’é un’ültima reliquia benedìa
dul témpu di bèi sògn ch’hin sguái vìa
insema ai züfi biondi d’una brègia
da scalmanái che cont’ ul só früstén
sa truéan lá par fá girá ‘l mungén.

L’éa ‘l sìtu da riciám par tül Sinágu
cont’i só prèi lìsci e sémpar nèti;
che bel fá cùri i giàndal e i bugèti
e, sénza ‘ndá in muntágna, al mar, al lágu,
i fiö d’inlùa, in pentèra e cont’a mèla
ul sù i ciapéan in dul... giügá áa rèla

Da den’ di capelèti i quátar Santi
con tütu chèl rabèl sa dirsedéan,
dadré áa ramáa i pòr mòrti i suridéan
al lüm d’un muculòtu tremulànti;
e i rondan, ch’éan da cá sü ‘l campanén
‘ma ‘l gnéa brüméntu i féan ul cuncertén.

Mó in piàzza tànti ròbi s’hin cambiái:
éan tül rigòrdi i sássi dáa rizzáa
ma pö gh’é gnü ‘l mudrón ch’a l’ha quatáa;
ul tramagén di lüsi culurái
e ‘l pùlman che a ògni ùa al pássa vìa
saán mudernitá ma hin non puesìa.

E a védu scurlá ‘l có i quatar Santi
i rondan e i pòr mòrti hin malcunténti
e in dul silénziu d’ògni sìa sa sénti
di vùsi che i ripètan implurànti:
“In tanta févra da trasfurmazión
almàncu ul nòs’ pasché tuchèmal nón!”


Al giorno d’oggi il sagrato della chiesa vecchia
è un’ultima reliquia benedetta
del tempo dei bei sogni che sono volati via
insieme ai ciuffi biondi di una moltitudine
di scalmanati che con il suo frustino
si trovavano la per far girare la trottola.

Era il posto di richiamo per tutto Sacconago
con le sue pietre sempre lisce e sempre pulite;
che bello far correre i noccioli e le palline
e, senza andare in montagna, al mare, al lago,
i ragazzi di allora, a piedi nudi e con la testa rasata
il sole prendevano nel... giocare alla lippa.

Dentro alle cappellette i quattro Santi
con tutto quel baccano si svegliavano
dietro la rete i poveri morti sorridevano
al lume di un lumino tremolante;
e le rondini, che erano di casa sul campanile,
quando arrivava il tramonto facevano un concertino.

Adesso in piazza tante cose sono cambiate:
erano tutti ricordi i sassi dell’acciottolato
ma poi è arrivato l’asfalto che lo ha coperto;
il semaforo di luci colorate
e l’autobus che ad ogni ora passa via
saranno modernità ma non sono poesia.

E vedo scuotere la testa i quattro Santi
le rondini e i poveri morti sono malcontenti
e nel silenzio ogni sera si sente
delle voci che ripetono imploranti:
“In tanta febbre di trasformazione
almeno il nostro sagrato non toccatelo!”