Un sfurcén ... dul Steanén - di Mario Candiani - Poesia Bustocca

Un sfurcén ... dul Steanén

Al é cume sentì una sinfunia,
i pruèrbi i schirlígan via:
"Chi gh'ha un misté,
al a stá sempu in pé".

"Mangia pocu, mangia sàn,
sa te vöi riá a dumàn".
"Chi ch'an roba dési,
an regala quatar, ma gh'an rèsta sesi".

"Chi sa cáscia pa ul lauá,
al diénta vegiu, e prestu al va lá".
"Tantu al lardu al vá ul miscén,
ch'al gha lássa ul sciampén".

A cunferma, du sciampén,
gh' a la lassá ul Steanén,
che a vessi gurdu da mangiá,
un bel dí 'l ha maruná.

Ul caál dul Steanén,
'l éa una bestia da chi fén,
un cervèll, ch'al ea impará
senza véssi mai früstá.

Senonché, ul Steanén,
al gh'éa in giu un sfurcén,
e al caál al gh'éa fèi impará,
in che postu al éa cumbiná.

Ul caál, chèsta storia,
impará 'l ea, a memoria,
e chandu al disea: "andèm in prá"
al saéa in che postu 'ndá.

Ul Steanén, a ingrübiá i rasón,
'l ha catá a custipazión,
e in dáa piána 'l éa lassá lá,
un po' da fén da mená cá

"A vo' lá men", la fá a só dona,
che in caretón 'l éa bòna.
e stu fén 'l ha caegá,
e la gh'ha dì al caál: "andèm in prá".

Sunt' in stráa, a vo' dul spizié,
a l'ha dì tra da lé,
ma ul caáal al ha pensá:
a vo' in dul postu che men a so giá.

Al sa férma, visén a na purtina,
e senza vèri, una vusìna:
"A sé giá chi, a sé stüfu non,
a sé rigurdá da purtá i bumbón ?".

Pö a sa vèri, e in sü a porta,
una facia a la diénta smorta,
sül careton, gh'é gnü da pensá,
"un caivögn 'l ha maruná".

"Va lá, iü" 'l ha früstá ul caál,
e una bastunaá 'l ha picá mia mal,
"'Ndèm a cá, a finí a rasón,
cun chela palta dul tó padrón".

Al disi ul pruerbii, in sü i sfulcíti:
"nanca un caál, e pegiu i asniti,
han da saé, s' al fá ul padrón,
chandu da mèzu a gh'é ul bastón".


-
E' come ascoltare una sinfonia,
i proverbi scivolan via,
"Chi ha un mestiere,
se la cava sempre".

"Mangia poco, mangia sano,
se vuoi arrivare a domani."
"chi ne ruba dieci
ne regala quattro ma gliene restan dieci"

"Chi si affanna per il lavoro,
diventa vecchio e presto muore"
"Tanto al lardo v il gattino,
che ci lascia lo zampino".

A Conferma dello zampino,
ce lo ha lasciato lo Stefanino
che ad esser ingordo di 'mangiare'
un bel giorno s'è fatto beccare.

Il cavallo dello Stefanin,
era une bestia fina,
un cervello, che aveva imparato,
senza esser mai frustato.

Se non chè lo Stefanino
aveva in giro una scappatella,
e sl cavallo aveva insegnato
in che posto era combinata.

Il cavallo, questa la storia,
imparato aveva a memoria,
e quando lui diceva "andiamo in prato"
sapeva già in che posto andare

Lo Stefanino, a complicare la situazione,
si è presa una costipazione
e nel campo aveva lasciato
un po di fieno da portare a casa.

"Vado la io", dice sua moglie
che era capace di guidare il carro,
e sto fieno ha caricato,
e al cavallo ha detto "andiamo in prato"

Son i strada, vado dal farmacista,
pensava fra sè,
ma il cavallo ha pensato
"vado in quel posto che io so già".

Si ferma, vicino ad una porticina
e senza aprire, fa una vocina:
"sei già qui ?, non sei stufo,
ti sei ricordato di portare i dolci ?"

Poi la prta si apre e su di essa
una faccia impallidisce,
e sul carro lei ha pensato:
"Ecco qualcuno è stato scoperto".

"Va là, iù", ha frustato il cavallo,
e gli ha picchiato una bastonata non da poco
"Andiamo a casa a finire la storia
con quella palta del tuo padrone".

Dice il proverbio, sulle infedeltà:
"Nemmeno il cavallo, e peggio gli asini,
devon sapere cosa fa il padrone,
quando di mezzo c'è il bastone.



Altre composizioni di Mario Candiani