I caminón dul milani - di Maria Grazia Daverio - Bustocco

I caminón dul Milani


Un tócu da Büsti al gh’è pü
a fábrica dul Milani han bütá giú
dumá i caminón han mazzá nón
andaben a l’éa mèi lasaí sü nón
parché par chi tái c’han lauá da lí
gha sa scèpa ul coeui a idèi inscí
lí da parlui senza cumpagnia
in própi dré muí da malincunia
i párlan pü nanca cunt ul sú
parché ul fiá al gha vègn sü pü
e i ögi i u vèran dumá cuan chal’é sia
inscí i üsei cha van lí a truái i sguán via
nanca con lui i vöan parlá pü
a gha rigórdan ul tempu ca fü
e che mó dumá
cuan chin dré insugnási
a reüessaán anmó a ragurdási


Un pezzo di Busto non c'è più:
hanno demolito la fabbrica del Milani
hanno risparmiato solo le ciminiere
forse era meglio non lasciarle in piedi
perchè a coloro che hanno lavorato lì
si rompe il cuore a vederle così
lì, da sole senza compagnia
stan proprio morendo di malinconia
non parla più neanche con il sole
e aprono gli occhi solo quando è sera
perchè a loro manca il fiato
così gli uccelli che le vanno a trovare volan via
non voglion più parlare nemmeno con loro
perchè le ricordano i tempi che furono
e che adesso soltanto
quando stanno sognando
riusciranno ancora a ricordarsi




Maria Grazia Daverio

Altre composizioni di Maria Grazia Daverio