UN ŇM DARBÓN



Te camini pian pian
cont’ul to baston in mŕn
che ul to amisi mó l’č ‘gnü
parché i gambi ta tegnan pü.
Chi ta édi caminá
i pensán che pü naguta te podi fá
ma sa gh’ŕn mái da capí
tüti chi egenti lí :
ul to có a l’é nón malá
a to anima la sá
scultá i coeui da tanta genti
e ütai a čs’ cunténti;
tüti chi bei stóri cha te cönti sú
incoeu sa séntan squasquasi pü,
ma par noeun i včgnaán bon
par capí a vita, dabón.


Daverio Maria Grazia

Cammini piano piano
col tuo bastone in mano
che adesso č diventato il tuo amico
perchč le gambe non ti reggono piů.
Chi ti vede camminare
pensa che piů nulla tu possa fare,
ma cosa hann da capire
quelle persone lě:
la tua mente non č malata
la tua anima sa
ascoltare i cuori di tanta gente
e aiutarla ad esser contenta;
tutte quelle belle storie che racconti
oggi non si senton quasi piů,
ma per noi vengon buone
per capire la vita, davvero.


Un ricordo del Sig.Fusetti che ho avuto
il piacere e l’onore di conoscere.


Altre composizioni di Mariagrazia Daverio