A Capelta da San Carlu


Anm gh in p rina na capelta,
un d valza da a fdi di ns p,
in vs a San Mich, in duna piazta
ridta a pchi mi chin dr scar.
Sutl e svlti qutar culunti
i tgnan s un tectu piscinn;
dadr da strti e bsi cancelti
sa tca a i c dul Gzi un altan.
Tra nvul cha sa prdi, tra quazti
stampi cumpgn, rutndi e grasuti,
dul fndu ga vgn foua cun frbi ugiti,
caeg di so vist pesnti e bi,
un delic e smrtu San Carln,
a brsci vrti, strcu, maruc.
A gh un quaicss da frgiu, da puan.
Che pna, che sntui da trasand!
A ta sa strngi ul coui a pas via
visn a sta Crusta banduna;
un fii gh mi, gh mi una canda,
un sgn da diuzin, s chla stra.
Ma par che anc ul bn Vscu un po sec,
al counta i so pr d segni e intntu
la invdia qusi a fn che ghn fi fa
al s amisn sfrat dul Cantn Sntu.¹
C' ancora in piedi una cappelletta,
costruita un giorno dalla fede dei nostri padri,
verso San Michele, in una piazzetta,
ridotta a pochi muri che van crollando.
Sottili e svelte quattro colonnette
tengon su un tettino piccolino;
dietro a storti e bassi cancelletti
si appoggia alle case del Guzzi un altarino.
Tra nuvole che si perdono, fra testoline
stampate uguali, rotonde e grassottelle,
dal fondo vien fuori con occhietti furbi
carico dei suoi vestiti pesanti e belli,
un delicato San Carlino
a braccia aperte, stanco, malconcio.
C' qualcosa di freddo, di povero.
Che pena, che sentore di trasandato !
Ti si stringe il cuore a passar via
vicino a sta crocetta abbandonata;
non c' mai un fiore, non c' mai una candela,
un segno di devozione, su quella strada.
Mi sembra che anche il buon Vescovo un po seccato,
conta i suoi poveri giorni segnati, e intanto
invidia quasi la fine che hann fatto fare
al suo amicone, sfrattato dal Canton Santo.¹


Gianni Fusetti


¹ Si riferisce alla cappelletta di Sant'Ambrogio in canton Santo, demolita nei primi anni '30 del XX secolo, sita dove attualmente vi la via Travelli, e dela quale potete trovare storia e descrizione nella sezione 'Chiese di Busto' in questo sito.


Altre composizioni di Gianni Fusetti