A Crusta da San Carlu



Scund in mzai c,
prpri n dul ci da Bsti,
a gh n Via Mateti un cantunn
prpi di tempindr.
Un piaz cha 'l tme n fazultu,
anm cunta riza tme na lta,
e, pugia a na c,
a gh l a crusta da San Crlu.
Sul mu dananzi,
lu guarda smpar tta premrusa,
cunti cului sbiai,
na Madunina qusi scancela,
e i c in giru,
cun ser i s finstar,
ghhan squasi sdizin.
Cntun brsciu valz par bened,
e senza p l bastn,
teme n pasti cha lha perd i so bri,
ul San Crlu
al rima i qutar fii urami pass
che na vegta
la ga mti gna tantu in s u alti.
E a lsi gilda
duna lampadinta,
la mtindssu na malincunia
e un gran sensu da psi,
che squasi squasi
te ndarsi via p.

Nascosto in mezzo alle case,
proprio nel cuore di Busto,
c' in via Matteotti un angolino
proprio dei tempi andati.
Una piazzetta che come un fazzoletto,
ancora col selciato come una volta,
e, appoggiata a una casa,
c' la crocetta di San Carlo.
Sul muro davanti,
lo guarda sempre tutta premurosa,
coi colori sbiaditi,
una Madonnina quasi cancellata,
e le case in giro,
con chiuse le loro finestre,
han quasi soggezione.
Con un braccio sollevato per benedire,
e senza pi il pastorale,
come un pastore che ha perduto le sue pecore,
il San Carlo
osserva i quattro fiori ormai appassiti
che una vecchietta
mette ogni tanto sull'altare.
E la luce gialla di una lampadina,
mette addosso una malinconia
e un gran senso di pace,
che quasi quasi
non andresti pi via.

Gianni Fusetti