Par un sassuén, Madona che casén ! - di Carlo Lobi

Par un sassuén, Madona che casén !



A som andèi a fá quasar pass
a gh’ho dèi na pesciáa a ‘n sass.
Na lümaga a la s’é svegliá,
e a la m’ha dì: ué, maledücá!!
Sa gh’è ? - al dumanda un ratén
ch’al paséa par casu da lì visén -.
A gh’é che cheschì al fá ul padrón a cá mia …
- a la disi ‘na lüserta che dul só büsu a la vègn föa –
a l’ha purtá via ul mé sassu, du ch’al éa,
e mó ? a ciapá ul sú, du cha vó ?
Una fumiga tüta stremìa
a sa presenta insü un fil d’ardìa:
“ué balìti a urì lasámi lauá,
che cunt i sasíti a fó sü a mé cá ?”.
Tütantrátu, na rána a la vègn föa dul só paltàn
e la fá: “a vó ignà, se non a la finissi cha tíu non dumàn”.
Alúa men, a sentì tütu sto casén,
hu pensá: “ i robi i van mia troll ben;
al é mèi cha turnu a cá mia
prima cha sa méti dré piöi e a culpa al è mia”

Sono andato a far quattro passi
e ho dato un calcio a un sasso.
Una lumaca si è svegliata,
e mi ha detto: uè, maleducato !!
Cosa c'è - domanda un topolino
che passava per caso li vicino.
- C'è che qui fa il padrone a casa mia ...
dice una lucertola che esce dal suo buco -
e ha portato via il mio sasso da dove era,
e adesso ? a prendere il sole, dove vado ? -
Una formica tutta spaventata
si presenta su un fil di ferro sottile:
"uè ragazzi, volete lasciarmi lavorare,
che con i sassolini costruisco la mia casa? "
Tutto ad un tratto, una rana vien fuori dal suo paltano
e dice: "vado via, se no finisce che non tiro fino a domani".
Allora io, a sentir tutto sto casino,
ho pensato: "le cose non vanno mica troppo bene;
è meglio che torno a casa mia
prima che si mette a piovere e la colpa è la mia!


Charles Lobi

Digitalizzazione di Enrico Candiani


Altre composizioni di Carlo Lobi