Il mese di Dicembre - di Enrico Crespi - poesia dialettale in Bustocco

Dicembre


Tratto da: I mesi

I

Sa sera da Dicembr’ i agenti ‘n câ:
ga brasa intantu sü ‘l camen dü sciochi...
L’è bel sta al coldu e vidè foêua fiucà:
vidè ‘gni giù, teme parpaj, chi fiochi

spesi, spesi cha sbianca campi e prâ,
cha ricama da pizi i scesi e i brochi...
Pisoca ul vegiu pres’al foêugu setà ;
gh’è lì anca-lè a masea e inturn’ a i sochi

i fioêu, chi pisciniti, a scultà esempi
e stori da Remagi e da pastui;
e an-lui ga paj da vivi ‘n chi bej tempi,

in chela noci piena da slendui,
in chela noci che nasù ‘l Bamben...
Gh’è pizu sü ‘l presepi un lampaden...

II

Ma intan cha sa sta ben al coldu in câ,
sü scosu da a finestra un pasaen
l’è lì ch’al trema e al cerca da becà:...
ga piangi ‘n straa un pôr spazacamen...

Canti e canti stu mesi trabulà,
cha g’ha non nanc’ ul becu d’un quatren,
cha moêui da freg, da fam sü ‘n spazacà!...
Canti miseri, canti crusi e spen!...

E Ti, Gesù Bamben, cha se’ ‘gnù al mondu
a predicà e carità e amui,
e che da a cumpasion t’ è vüstu ‘l fondu,

a cunfortu e suliev da sti dului,
da sti miseri, fa che chi sta ben
al derva ul coêui e al derv’ anc’ ul bursen...

I

Si chiudono a Dicembre le persone in casa:
bruciano intanto sul camino due ciocchi...
È bello stare al caldo e vedere fuori nevicare:
vedere venire giù, come farfalle, quei fiocchi

spessi, spessi che imbiancano campi e prati,
che ricama di pizzi le siepi e i rami...
Sonnecchia il vecchio vicino al fuoco seduto;
c’è lì anche la massaia e intorno alle sottane

i bambini, quelli piccoli, ad ascoltare favole
e storie di Re Magi e di pastori;
e anche loro le pare di vivere in quei tempi,

in quella notte piena di splendori,
in quella notte c’è nato il Bambino...
C’è acceso sul presepio una lampadina...

II

Ma intanto che si sta bene al caldo in casa,
sullo stipite della finestra un passero
è lì che trema e cerca di beccare:...
piange in strada un povero spazzacamino...

Quanti e quanti in questo mese tribolato,
che non hanno neanche un becco di un quattrino,
che muore di freddo, di fame su un solaio!...
Quante miserie, quante croci e spine!...

E Tu, Gesù Bambino, che sei venuto al mondo
a predicare carità e amore,
e che dalla compassione hai visto il fondo,

a conforto e a sollievo da questi dolori,
di queste miserie, fai che chi sta bene
apra il cuore e apra anche il borsellino...

Tratto da: Lünari büstocu

A campagna l’è bianca e gh’è pù
par i pian un fil d’erba: e anch’i pianti,
che mo’ hin senz’ una foêuia e han perdù
a puesia dul verdu e di canti,
j paan brasci da morti valzà
versu ‘l ciel e cha implora pietà.

Un granel i troêuan non da becà
i pôr pásar e i piangian sü ‘l teciu:
ma gh’è anca pôr gent trabülà,
cha g’ha non da quetas nanch’ in leciu,
che a chi pasa ga slongan a man
e i dumandan un tocu da pan.

Sta stagion a l’è grama,... l’è trista
Sant’ Ambroêus freg cha coêusi e Lüzia,
(che di mâ ma preserva da a vista!)
a l’è ul dì püsè coêurt cha ga sia:
ma da Santa Lüzia a Natal
al sa slonga ul sbavagiu d’un gal.

A vigilia, l’è in trüscia a maséa:
a la lava, la sgüra, la scua:...
e par câ gh’è pù nan ‘na ragnéa,
pù da rüd nè da-bas nè da-sua:
i lüsisan i ram in cüsina
e scurtà l’è a dispensa e a cantina.

Pa’ ul presepi, che cüra!... che amui!...
Losu, tepa, da sciochi una mota;
e gh’è pronti anch’i beri e i pastui.
San Giusepu e a Madona, in da a grota,
hin lì insema d’un boêu, d’un asnen,
lì ch’j specian cha nasa ul Bamben.

Ma in da a noci, ecu i piv di pastui,
ecu di angiul i cori lasù:...
in sta noci d’incantu e splendui,
in da a grota ul Bamben l’è nasù
e dul grandi purtentu a nuvela
a lu nünzia pa’ ul mondu ‘na stela.

L’è Natal!... e in sü a tavula incôeu
ga trionfa pulen e capon,
a mustarda, i naranzi, i ravioêu,
pien d’ügheta e cedrà ‘l panaton:...
e da fa, chel cha resta poôu indrè,
ribaten a San Stevan l’è ‘sè...

San Silvestar!... Urmai sem a fen!...
U ann al moêui e i so’ esequi sa fa
tra i baldori e i legrii d’un scenen...
Ma però s’a sa füs da pensà
che tüscosi ga pasa e finisi,
e che chi sem non stabil e fisi,

ma che un dì, anca neun, tütt’a ‘n botu,
candu al paj che a gudè tüt ma invita,
boêugna ‘ndà senza nan fa fagotu,
la saris püsè bela sta vita,
e anc’ul mondu, senz’ odj e rancui,
un paadisu al sarisi d’amui.



La campagna è bianca e non c’è più
per le piane un filo d’erba: e anche le piante,
che adesso sono senza una foglia e hanno perso
la poesia del verde e dei canti,
sembrano braccia dei morti alzate
verso il cielo e che implorano pietà.

Un granello non trovano da beccare
i poveri passeri piangono sul tetto:
ma ci sono anche povera gente tribolati,
che non hanno da coprirsi neanche a letto,
che a chi passa le allungano la mano
e le domandano un pezzo di pane

Questa stagione è grama,... è triste
Sant’Ambrogio freddo che cuoce e Lucia,
(che dei mali mi preserva della vista!)
è il giorno più corto che ci sia:
ma da Santa Lucia a Natale
si allunga di uno sbadiglio di un gallo.

Alla vigilia, è agitata la massaia:
lava, pulisce, scopa:...
e per casa non c’è più neanche una ragnatela,
non c’è più sporco ne da basso ne di sopra:
luccicano il rame in cucina
e scortata è la dispensa e la cantina.

Per il presepe, che cura!... che amore!...
Alloro, muschio, di ciocchi un mucchio;
ci sono già pronti anche le pecore e i pastori.
San Giuseppe e la Madonna, nella grotta,
sono lì insieme a un bue, a un asino,
lì che aspettano che nasca il Bambino.

Ma nella notte, ecco le cornamuse dei pastori,
ecco degli angeli i cori lassù:...
in questa notte d’incanto e splendore,
nella grotta il Bambino è nato
e del grande avvenimento la novella
lo annuncia per il mondo una stella.

È Natale!... e sulla tavola oggi
trionfa tacchino e cappone,
la mostarda, le arance, i ravioli,
pieni d’uvetta e cedro il panettone:...
e da fare, quello che resta poi indietro,
ripetere a Santo Stefano è sufficiente...

San Silvestro!... Oramai siamo alla fine!...
L’anno muore e le sue esequie si fa
tra baldorie e allegrie di un cena...
Ma però se si fosse da pensare
che tutto passa e finisce,
e che qui non siamo stabili e fissi,

ma che un giorno, anche noi, tutto in un colpo,
quando pare che a godere tutto ci invita,
bisogna andare senza neanche fare fagotto,
sarebbe più bella questa vita,
e anche il mondo senza odi e rancori,
un paradiso sarebbe d’amore.


Chiude la serie dei mesi. Freddo, neve, gelo sono le sue caratteristiche.
Sotto le gronde cinguettano i passeri che non trovano più cibo, mentre tanta povera gente soffre e geme tra la più squallida miseria.
Dopo aver accennato a qualche proverbio del mese, ecco la vigilia della più bella e cara festa festività dell’anno.
La massaia è in faccende per riordinare la casa e fare i preparativi per degnamente celebrare la grande solennità; mentre i bambini impazienti attendono i doni di Gesù che deve nascere nel presepio da loro stessi preparato.
Nella notte,... il canto degli angeli ed il suono delle cornamuse dei pastori annunziano il grande evento.
È Natale, la festa dei cuori e della famiglia; festa in cui tutti si radunano attorno al domestico focolare e la tavola si imbandisce delle più rare e ghiotte specialità.
Ma ecco anche la fine. A S. Silvestro l’anno muore e gli uomini celebrano le sue esequie tra il tripudio di laute cene e la sfrenata letizia di canti, di spari e di danze.
Ma se si pensasse che non solo l’anno muore, ma che tutto quaggiù finisce e che, quanto meno lo si aspetta, tutto bisogna lasciare, sarebbe più bella la vita ed il mondo, senz’odi e rancori, sarebbe un paradiso d’amore.


Enrico Crespi 1958