Il mese di Novembre - di Enrico Crespi - poesia dialettale in Bustocco

Novembre


Tratto da: I mesi

Nuembar!... Da müdà l’è ua i pagn,
da tjà vultra e tabaru e gipunen:
i lauà ga finisi ‘n di campagn,
e in di câ mo’ ga füma già ul camen...

Nuembar!... Gh’è là invernu sü i muntagn;
l’è vistì da biancu ch’al fa ugen:...
adiu, bel verdu tenar di campagn;
adiu, bej fiui, incantu dul giarden!...

Ga croda, a vüna a vüna, i foêuj di ram;
ga croda i fiui, cha hin destinà a marscì...
Ma anca par neun ga vegn, e tristi e gram,

ga vegn i dì du ültima stagion;
e, a vüna a vüna, a vedam a svanì,
‘me i fiui, ‘me i foêuj, i bej nost’ ilüsion...

Novembre!... Da cambiare è ora i panni,
da tirare fuori e tabarro e maglia di lana:
i lavori finiscono in campagna,
nelle case adesso fuma il camino...

Novembre!... c’è là l’inverno sulle montagne;
è vestito di bianco che fa l’occhiolino:...
addio, bel verde tenero delle campagne;
addio, bei fiori, incanto del giardino!...

Cadono, ad una ad una, le foglie dai rami;
cadono i fiori, che sono destinati a marcire...
Ma anche per noi viene, tristi e grami,

vengono i giorni dell’ultima stagione;
e, ad una ad una, vediamo svanire,
come i fiori, come le foglie, le belle nostre illusioni...

Tratto da: Lünari büstocu

L’è Nuembar; l’è ul dì d’Ognisanti;
tempu già da cambià ‘l gipunen,
da tjà vultra i vistì, chi pesanti;...
e da sia, lì inturnu al camen,
a sa disi pa’ i morti ul rusaj
e in sü ‘l foêug ga barbota un caldaj.

L’è ul caldaj di castegn; e al paj quasi
da sentì di nos morti i lamenti,
da vidè, lì in di fiam e in di brasi,
di por anim in pena i turmenti...
Press’ a i sochi a sa strengian i fioêu
e ‘l cô in lec scondan sutt’a i lanzoêu.

Hin i morti duman,... e da sfosu,
al pensè di nos car cha gh’è pù
e ch’j dorman u eternu riposu,
un guton di nostr’ oêugi vegn giù...
Su i so’ tombi a gh’è pizu ‘n ciaren
e gh’è fiui teme Magiu in giarden...

Ma ecu son da campann a distesa;
canti e müsich par aria sa senti;
ul Te Deum sa intona là in gesa
e i bander sa dispiegan a i venti:...
in d’un ciel risplendenti da gloria
i so’ âl la distendi a Vitoria.

E la pasa in sü ‘l Grapa e ‘l Muntel,
in sü ‘l Piave, sü ‘l Carsu e ‘l Purdoi;
a la sfoêuja ul o’ alor püsè bel
e in sü i tombi lu spargi di eroi,
che da sanghi gluriusu han bagnà
i cunfen che ‘l Signui m’ha segnà...

Cu ‘l so’ estaj riva poêu San Marten,
un estaj cha düa ‘pena tri dì:
ma già ‘l mustu in cantina l’è ven.
I lauà di campagn hin finì;
han perdù i so’ foêuj anch’i ram
e i riposan i besti ‘n sü ‘l stram.

E ga vegn dì da nebia e da brina:...
in di câ già ga füma ul camen,
e ul pajsan che scurtà al g’ha a cantina,
che ul granè, che a casina al g’ha pien,
al ringrazia cuntentu ‘l Signui
ch’à premià i so’ fadighi e südui...



È Novembre, è il giorno di Ognisanti;
tempo già di cambiare la maglia,
di tirare fuori i vestiti, quelli pesanti;...
e di sera, lì intorno al camino,
si dice per i morti il rosario
e sul fuoco borbotta una pentola.

È la pentola delle castagne; e sembra quasi
di sentire dei nostri morti i lamenti,
di vedere, lì nelle fiamme e nella brace,
delle povere anime in pena i tormenti...
Vicino alle sottane si stringono i bambini
e la testa a letto nascondono sotto le lenzuola.

Sono i morti domani,... e di frodo,
al pensiero dei nostri cari che non ci sono più
e che dormono l’eterno riposo,
un gocciolone dei nostri occhi viene giù...
Sulle sue tombe c’è acceso un chiarino
e ci sono fiori come Maggio in giardino...

Ma ecco suoni di campane a distesa;
canti e musiche per aria si sente;
il Te Deum si intona là in chiesa
e le bandiere si dispiegano ai venti:...
nel cielo risplendenti di gloria
le sue ali distende la Vittoria.

E passa sul Grappa e il Montello,
sul Piave, sul Carso e il Pordoi;
e sfoglia il suo alloro più bello
e sulle tombe lo spargi di eroi,
che di sangue glorioso hanno bagnato
i confini che il Signore ci ha segnato...

Con il suo estate arriva poi San Martino,
un estate che dura appena tre giorni:
ma già il mosto in cantina è vino.
I lavori in campagna sono finiti;
hanno perso le sue foglie anche i rami
e riposano le bestie sullo strame.

E vengono i giorni della nebbia e della brina:...
nella case già fuma il camino,
e il contadino che scortato ha la cantina,
che il granaio, che la cascina ha pieno,
ringrazia contento il Signore
che premia le sue fatiche e sudori...


Si apre il mese colla festa di Tutti i Santi; omaggio che la Chiesa rende a quella moltitudine sconosciuta dei suoi figli migliori che godono l’eterna beatitudine: ma subito dopo ricorda, colla commemorazione dei cari defunti, anche quelle anime che si trovano in luogo “ove l’umano spirito si purga” .
Ecco poi suoni di campane, il canto del “Te Deum”, labari e bandiere spiegate ai venti, che ci fanno rivivere una gloriosa nostra giornata. È la celebrazione della grande strepitosa vittoria, è il ricordo devoto e riconoscente per gli umili eroi che si immolarono perché la nostra Patria viva e sia grande e forte nei suoi giusti confini.
Dopo l’estate di San Martino che dura solo tre giorni, cessano i lavori dei campi, nelle stalle riposano gli animali da lavoro ed il contadino, che ormai ha radunato in solaio ed in cantina il frutto delle dure fatiche, contento e felice innalza il suo inno di ringraziamento al Signore.


Enrico Crespi 1958