Paperino


Premere per ascoltare la lettura del brano seguente

A gha sarìa da stüá a dighi ai mé naùdi:
“Ul Paperinu al é nasü a Büsti tenme men, propi in dul sesantotu”.
Tüci i ma dìsan ch’ a son anmó giùina:
a chel’etá chì, a ti sé anmó ‘na tusa o un giüinótu.
Ma a pensághi pulidu, dul sesantotu a gh’é giá pasá trent’ ann!
A gha pénsu sü ! Vent’ ann fá a sa giüghéa anmó
indi prá, indi curti, indi strái.

Incö, sa trüsu in dul me có, ma vegnan in menti tanci robi!
E l' é na gran fadiga,
parché 'l é mèi aéghi in menti non chi tempi lá,
parché ti senti döntu ch’a gha vegn giù ul magón !

Chanti amisi, chan’ giügatá !
Chel püsé bel 'l ea “a cönta”, e a sa tachea döntu:
“Scatulen dul büs dul cü, cönta fin a trentadü ..”
E pö a sa pudéa mai andá innanzi,
parché a gha gnéa sempu ultra na chai mama o, pegiu, na chai pia nona
e sa la sentiéa chi resón lì, sa féa scena … senza pitànzi.

E ul Paperinu ! Al ea sempu lì insèma a men,
cunt i mé sögn e a vöia da saé
parché 'l ea ‘ndèi a stá igná da Büsti
pa’ andá a stá in America.
S' al vanzéa chi, al pudea ‘idè ‘ma al é gnü bèla e granda a so Büsti.

Ma ches’ chì al é dumá un bel sögn,
un sögn da fiö, un sögn vanzá lá
in duna piána da perifeìa,
in dué mò a gh’é gnü sü tanci bei cá !

Ma sa ma fermu lì, e a slòngu i uègi,
a podu sentì anmò ul vusá da chi fiö lá,
ch’han fèi tenme ul Paperinu:
ai hin sguá igná, chissá indué !
Ci sarebbe da vantarsi a dire ai miei nipoti:
“Paperino è nato a Busto, come me, proprio nel ‘sessantotto”.
Tutti mi dicono che sono ancora giovane:
a questa età sei ancora una ragazza o un giovanotto.
Ma, a pensarci bene, dal sessantotto son già passati trent’anni !
Ci penso sopra! Vent’anni fa si giocava ancora
nei prati nei cortili nelle strade.

Oggi, se mescolo nella mia mente, mi vengono in mente tante cose !
Ed è una gran fatica
perché è meglio non avere in mente quei tempi,
perché senti dentro che ti viene il magone !

Quanti amici, quanto giocare !
Il più bello era il gioco della conta, e si cominciava:
“Scatolino del buco del culo, conta fino a trentadue…”
e poi non si poteva mai continuare,
perché usciva sempre qualche mamma o, peggio, qualche pia nonna
e se sentiva queste cose si faceva la cena …. senza pietanze.

E Paperino ! Era sempre li insieme a me, con i miei sogni e la voglia di sapere
perché era andato via da Busto
per andare a vivere in America.
Se restava qui, poteva vedere come è diventata bella e grande la sua Busto !

Ma questo è solo un bel sogno,
un sogno da bambini, un sogno rimasto là,
in un prato di periferia,
dove adesso han costruito tante belle case !

Ma se mi fermo lì e tendo le orecchie,
Posso sentire ancora le urla di quei bambini,
che han fatto come Paperino:
son volati via, chissà dove !

Soggetto Cristina Puricelli 1998
Redazione in lingua: Enrico Candiani