A madona da Prà e a nascita di Cupeti da Busti


Premere per ascoltare la lettura del brano seguente





Un bel dí a Madona da Prá
‘l ha vurzü vegní föa da cá:
ul so cöi gha rendéa cumpassion
che in d’un Busti gha füss nanca un bumbon.

Chi pescitti, spassegiandu sut i pianti
han cambiá tüci i sassi in crucanti :
chi maníti, insci bianchi e devoti,
i han quatá cont’a nevi sua e suttu,
e vedendu a passà ul diavaén,
par cuppall gh’i ha tiá in dul cuppén.

E pö, dopu avèi benedetti,
‘l ha vurzü ch’hu ciamassan “cuppetti”.



Un bel giorno la adonna in Prato
ha voluto uscire di casa:
il Suo cuore aveva compassione,
che in un posto come Busto non ci fosse nemmeno un bombone.

Quei piedini, passeggiando sotto le piante
hanno trasformato tutti i sassi in croccanti:
quelle manine, così bianche e devote,
li hanno coperti di neve sopra e sotto
e vedendo passare il diavolo,
per ammazzarlo glieli ha tirati sul coppino.

E poi, dopo averle benedette,
ha voluto che le chiamassero "coppette"

Pietro Tosi