La casa di una vita


Inizia la vita a due: la casa di una vita !

Al nostro rientro a casa, come dimora, mi aveva prestato due locali il mio compagno “Menon”, locali che avevo attrezzato degnamente. A quei tempi la mia dolce metà pesava cinquantadue chili, che senza sforzo potevo portare felicemente in braccio.
Ma l’amico Menon nel frattempo si era fidanzato anche lui e mi chiese quanto prima di andarmene.
Le abitazioni in affitto erano molto scarse, e mio Padre decise di assegnarmi questo pezzo di giardino e di costruire. La costruzione sarebbe costata due milioni e ottocento mila lire.

Io ne avevo la metà e per l’altra metà ho fatto un debito, e non credevo quando avrei finito di pagarlo. Ma la volontà, il commercio e molto impegno ho fatto in sei mesi quello che un altro avrebbe impiegato anni !
Ho provato ad avere la cantina piena di pacchi di filato (come rimanenze di filatura), che con grande esperienza dividevo i titoli solo alla vista e che poi rivendevo alle tessiture.
Sta di fatto che con caparbietà e orgoglio cercavo il massimo per il benessere della famiglia.

Gino Candiani


Episodio precedente - Episodio successivo

Indice delle memorie di Gino