Il parroco "don Marelli"

Riporto qui il mio ricordo poiché penso che più nessuno sarà in grado di farlo.
Era un buon prete, un omone molto robusto fisicamente, aveva solo l’abitudine di annusare il tabacco in polvere, ed alcune volte quando i bambini facevano arrabbiare lui gli suonava sulla testa la sua scatoletta metallica del tabacco.


Ma un giorno morì; il fatto alquanto insolito e inusuale è stato quello di averlo “alla visita dei parrocchiani” seduto su una grossa poltrona in un localone adiacente alla sacrestia: era come una statua e non pareva neanche morto.

Gino Candiani


Episodio precedente - Episodio successivo

Indice delle memorie di Gino